Skip to content
cop3

Giornalino della Casetta Rossa Marzo

La giornata della donna

L’8 Marzo è la giornata internazionale della donna. questa giornata è dedicata al ricordo delle conquiste politiche, sociali ed economiche delle donne; per esempio dallo sfruttamento nel mondo del lavoro e nella mancanza del riconoscimento di importanti diritti, come   quello del voto. Questo in certi Paesi è avvenuto nel 1900, ma in altri Stati le donne sono sottomesse e non hanno diritti. La mimosa è il fiore che rappresenta questa festa.

Due culture speciali

Religione dell’Antica Grecia
Per i Greci la realtà era divisa tra esseri mortali, gli uomini, ed esseri immortali, gli Dei. I Greci erano politeisti credevano cioè in numerosi Dei. tutte le divinità rappresentate con aspetto fisico e caratteristiche umane, erano sempre pronte a facilitare o ostacolare ogni aspetto della vita: gli uomini dovevano mantenere un buon rapporto con gli Dei attraverso la preghiera, i riti e i sacrifici. Per i Greci gli Dei vivenano nel Monte Olimpo, il monte più alto della Grecia.

Religione dell’Antica Roma
Per i romani la religione era un insieme di riti e regole per restare in armonia con gli Dei, perchè garantissero pace e ricchezza a Roma. Nella religione romana esistevano tre tipi di Spiriti protettori: i Nani erano gli spiriti benevogli degli antenati; i Lari si occupavano del benessere della famiglia; i Pensati erano gli spiriti dediti a proteggere la proprietà. Accanto a questi spiriti pregavano gli Dei, che i Romani hanno preso dai Greci e a moli hanno cambiato nome.

E tu di che religione sei?
Se preghi, come lo fai, a chi ti rivolgi?

Torta di pane

Prendete 300g di mollica di pane, tagliatela a pezzetti e lasciatela in ammollo per 10 minuti con 400g di latte intero. Mettete in ammollo 100g di uva passa per 5 minuti. Inburrate la tortiera. In una ciotola mescolate 100g di burro, 100g di zucchero e 1 uovo, assieme al pane rappreso, l’uvetta, una scorza di limone grattuggiata, 50g di pinoli e infine 100g di farina setacciata.
Trasferite l’impasto nella tortiera e infornate a 180° per circa 60 minuti.

Ps: se volete aggiungete 20ml di grappa

Famiglie

Di Cristina Zonato e Maria Grazia Schio

C’era una volta una famiglia di pesci che viveva in un lago. Un giorno arriva una famiglia di pescatori, che aveva molta fame. La famiglia di pescatori dice “che fame! Mangiamo questi belli pesci! Mmm…buoni i pesciolini!” Così buttarono la canna da pesca, pescarono la famiglia di pesci e se la mangiarono tutta. Poi si addormentarono nella barca sotto il sole, cullati dal vento e dalle onde del lago. Arrivò poi un pesce grande e grosso, che era la nonna pesce, che disse: “dov’è finita la mia famiglia di pesciolini?” e una stella marina le rispose: “se la sono mangiata tutta i pescatori, quelli lì che dormono sul lago.” E fu così che la nonna pesce in un solo boccone si mangiò la famiglia di pescatori e la barca. E in un certo senso si mangiò anche la sua stessa famiglia di pesci. Ma meglio non pensarci. Poi però la nonna pesce fece indigestione e morì. E così finì al cimitero dei pesci, dove si riunì alla sua amata famiglia pinnata.

Morale: il karma a volte è un pesce nonna arrabbiato.

 

Condividi le novità

Abilitante Social Fest 2024

Abilitante Social Fest 2024

“Non sarò mai abbastanza cinico da smettere di credere che il mondo possa essere migliore di com’è.  Ma non sarò…
Fai la mossa giusta!

Fai la mossa giusta!

Anche tu, come Valeria, fai la mossa giusta! Scegli di destinare il tuo 5×1000 alla Cooperativa Sociale Piano Infinito, a…