Skip to content
cop3

Recap Abilitante Social Fest 2022 – Giugno

Il primo mese di festival è terminato e siamo tutti molto contenti di come siano andate le cose.

Abbiamo deciso di raccontarvi il primo mese di Abilitante Social Fest tramite gli occhi e le parole di chi l’ha vissuto: volontari, lavoratori, ospiti e spettatori.

“Com’è andato seconte te il primo mese di abilitante social fest?”

 
 

“Bene, sta andando bene. La cosa che mi fa più piacere è che in queste 2 settimane ho sentito il supporto enorme di soci e volontari e mi fa tanto contento, nelle piccole e nelle grandi cose ho visto gente che si dà da fare per risolvere i piccoli problemi che capitano. Il parco, poi, è sempre pieno di gente, è un parco pubblico vissuto da bambini, adulti volontari. Sono proprio contento.”
Andrea M.

 

“La prima esperienza all’abilitante social festival e stato strabiliante e magnifico e stata un esperienza meravigliosa.”
Martina G.

 

“A me è piaciuta tantissimo ogni serata a cui ho partecipato e mi è dispiaciuto essermi persa le serate in cui non sono potuta andarci. A mia grande sorpresa la serata più bella e quella che mi è piaciuta di più è stata il MontecchioMusicPark con LA 041. È stato sorprendente e piacevole vedere tutti quei giovani in una serata dedicata a loro. Mi ha fatto venire voglia, ancora una volta, di ritornare in quella età. Poi la serata degli Ambaradan con i Black Boys + Legature Musicali è stata speciale, con grande bravura artistica e ottima scelta dei brani.”
D. Rina H.

 

“In questa edizione dell’ Abilitante Sociale Fest c’è una particolare atmosfera che ti fa sentire accolto piacevolmente sia come ospite delle varie cene e serate che come volontario il clima è quello delle belle serate in compagnia di amici dove la condivisione è elemento principale e strutturante.”
Edvige F.


“Sono soddisfatto dei tre fine settimana. Orgoglioso di aver portato lirica, folk, impegno sociale e aiutato ad aprire l’orizzonte culturale con cibi e costumi di varia estrazione. Mi soddisfa anche il lavoro di rete con Mediterranea ed Emergency.”
Pino S.

 

“-A che ora apre la cucina? – Sìo pronti? –
Sì…siamo quasi sempre pronti in orario con tanti piatti buoni preparati con tutto l’impegno che possiamo metterci. Queste prime settimane sono state intense ai fornelli perchè, come in tutte le cucine, c’è sempre molto da fare!
Son passati creativi cuochi d’esperienza da affiancare, instancabili cuoche casalinghe che han regalato squisitezze, volontari che si son cimentati con montagne di patatine da cuocere…ogni volta c’è qualcosa da imparare oltre a tanto da organizzare!
Speriamo di soddisfare molti altri palati, di vedere molti altri sorrisi, di continuare con entusiasmo e di coinvolgere altri volenterosi volontari.”
Cristina B.

 

“Il festival è partito è l’energia che si respira è sempre genuina, bella gente belle serate e una grandissima varietà di offerta culturale…. Super!!!”
Daniele M.

 

“È un piacere cucinare per il prossimo. Vedere la convivialità nei tavoli, tra la gente. Promuovere il  cibo come strumento di incontro, di dialogo e inclusione sociale. Mi piace la migrazione di “cuochi” che passano per la nostra cucina perché i nostri piatti sono già frutto di mescolanze millenaria.
Nutriamoci di differenze.”
Cristina F.

 

“Il primo mese di festival è stato un mix di tante nuove proposte, musica, cibo, laboratori e persone che si incontrano o si conoscono per la prima volta! Tutto ciò ha creato per me un’atmosfera accogliente e gioiosa! Ci vengo sempre molto volentieri perché lì so che si sta bene.”
Elena R.

 

“Per me il festival è un bell’ambiente e quando guarisco diventerò un batterista famoso degli ambaradan. Mi piacerebbe fare tante feste con tanti amici e tante amiche. È andato bene.”
Matteo S.

 

“Mi è piaciuto, sia per gli spettacoli che abbiamo proposto perché trovo difficile trovarne uno meno interessante degli altri, sia perchè ho visto tanta gente nuova che girava. Quindi questo vuol dire che dietro c’è un lavoro non solo di organizzazione ma anche di cercare di coinvolgere e portare il più possibile persone esterne alla cittadinanza di Montecchio e agli amici della Cooperativa e vedo che piano piano il festival sta prendendo una forma sempre più carina e attraente, esteticamente ma anche a livello di proposte.”
Cristiano S.

 

“Del festival del successo del chiosco mi è piaciuto un po’ tutto quanto. L’importante è che il chiosco possa andare avanti. Un successo. Se vuoi fare una roba pro devi mettere le cose importanti…”
Dmitri A.

 

“Mi è piaciuto molto, erano anni che non venivo perché non avevo il tempo. L’impressione che mi da è quella di una grande famiglia, l’ambiente è rilassante e poco caotico, si sta bene e c’è un bel senso di amicizia. Personalmente mi è servito anche per conoscersi con le altre famiglie e con la cooperativa in generale, instaurando relazioni nuove.”
Barbara N.

 

“Molto bello, è bello rivedere tante persone che si ritrovano, tanti operatori impegnati e anche tanti volontari, c’è tanta vivacità. Volevo fare un apprezzamento, vista la numerosa affluenza, alla cena calabrese. Questo vuol dire che c’è tanto lavoro da parte della Cooperativa per creare ed ampliare la rete. Il luogo poi aiuta perchè è fresco.”
Daniela B.

 

“C’è sempre tanta gente è bello vedere che c’è affluenza. Ci sono tanti giovani, c’è un bel giro, la gente è contenta e la musica piace. Anche per nostra figlia Valeria l’ambiente è adatto, come per tutte le famiglie e i bambini.”
Lisella e Beppe

 

“Il clima è molto bello, gioioso ed accogliente, cosa che ci voleva dopo 2 anni di Covid che hanno ridotto, e di molto, i momenti di incontro. La comunità ha risposto molto bene agli eventi proposti, partecipando in maniera numerosa indipendentemente dall’età (dai più giovani, vedi il concerto rap dell’altro giorno, ai meno giovani che ci frequentano abitualmente). Speriamo continui così per il resto dell’estate, per ridare vita al parco e non solo, per creare momenti socializzanti e comunitari in cui condividere idee, opinioni, pensieri…”
Luca B.

“Come avete vissuto il vostro evento all’abilitante social fest?”

 

“In un clima disteso e amichevole, abbiamo avuto l’occasione di approfondire un argomento essenziale qual è l’alimentazione: nutrimento per la mente e per la pancia! Un’ottima combinazione, resa preziosa dalla qualità dei relatori e dall’ottimo cibo preparato”
Hab terrenergie

 

 

“Grazie a tutti, è stata una serata meravigliosa. Ballerini top, pubblico top, location top.”
Snap asd

 

 

 

“Per noi aver suonato all’Abilitante Social Fest è stata un’esperienza super positiva!
Siamo stati seguiti e supportati con grande disponibilità e professionalità da parte dello staff.
Ci siamo sentiti come in famiglia.”
Läser

Grazie a tutti!

Condividi le novità

Recap Abilitante Social Fest 2022 - Luglio

Recap Abilitante Social Fest 2022 - Luglio

Anche il secondo mese di festival è giunto al termine. Come per il mese di Giugno lasciamo che siano gli…
Recap Abilitante Social Fest 2022 - Giugno

Recap Abilitante Social Fest 2022 - Giugno

Il primo mese di festival è terminato e siamo tutti molto contenti di come siano andate le cose. Abbiamo deciso…
Buskers

Buskers

Un artista di strada, o busker, è un artista che si esibisce in luoghi pubblici (parchi, piazze, strade) gratuitamente. Le…